TJF – PROGRAMMA DEL 29 MAGGIO

TJF – PROGRAMMA DEL 29 MAGGIO

www.torinojazzfestival.it

Ore 10.00

EX MANIFATTURA TABACCHI, CORSO REGIO PARCO 142 ARS CAPTIVA 2015

LA METAMORFOSI DEI LUOGHI DISCORSI E PRECORSI FRA JAZZ, PITTURA E CANZONE D’AUTORE

Luigi Antinucci, chitarra e voce

Emanuele Boschi, percussioni

Claudio Nicola, contrabbasso

Andrea Guariso, chitarra

Luciano Gaglio, pittore

Marco Basso, narrazioni

I destinatari sono gli studenti delle scuole coinvolte in Ars Captiva. L’incontro rientra nel progetto didattico rivolto alle scuole superiori de Le Chiavi della Musica. Questo momento formativo s’intitola Magica Torino dal recente cd del cantautore Luigi Antinucci e si articola in percorsi e discorsi tra canzone d’autore, jazz e pittura.

Ascolteremo con la voce e la chitarra di Luigi Antinucci due canzoni tratte dal suo ultimo album e un brano firmato da Francesco De Gregori eseguiti in versione acustica. Seguiranno un’esecuzione strumentale del duo jazz Performart (Guariso e Nicola) e un intervento di Luciano Gaglio, autore di unprogetto artistico ispirato alla loro musica. Quindi il cantautore e i jazzisti fonderanno i loro stili interpretando in modo originale un brano di Magica Torino. Commenta questo viaggio creativo il giornalista musicale Marco Basso.

ORE 12.00

NH COLLECTION PIAZZA CARLINA

INCONTRI SPECIALI PER PROGETTI SPECIALI

Stefano Zenni intervista Danilo Rea

Il TJF celebra il centenario della nascita di Billy Strayhorn, per anni considerato il braccio destro di Duke Ellington, ma ormai definitivamente consacrato nel pantheon dei compositori jazz di tutti i tempi. Danilo Rea, impegnato a fornirci la sua versione di Strayhorn, racconterà se stesso e questo lavoro in compagnia di un altro importante pianista,resident del Fringe, Bojan Z. Un incontro imperdibile con al centro il pianoforte jazz contemporaneo.

Ore 15.00

MOLE ANTONELLIANA, CORTILE INTERNO DI VIA MONTEBELLO

RASSEGNA MANOUCHE ALLA MOLE

Quattro giornate di incontri e di musica manouche ad appuntamentofisso con i maggiori esponenti internazionali del gipsy jazz nel cuore di Torino.

Presentazione della rassegna manouche con gli artisti che ne faranno parte. Durante il pomeriggio: jam session gestita dagli artisti manouche di Torino, dimostrazione del ballo lindyhop, a cura dell’associazione culturale Dusty Jazz, esposizione di chitarre manouche a cura di liutai specializzati ed esposizione di materiali dedicati al genere.

Ore 16.00

CINEMA MASSIMO, SALA TRE, VIA VERDI 18

THE CONNECTION

di Shirley Clarke

(Usa 1962, 110’, DCP, b/n, v.o. sott. it.)

L’adattamento per il grande schermo del testo di Gelber diventa un formidabile esempio di meta-cinema. La partenza sembra quasi un documentario. In effetti si stanno seguendo i percorsi di un operatore e del suo progetto di fare un documentario, che poi ha abbandonato.

Musica del pianista jazz Freddie Redd, con Jackie McLean.

Ingresso euro 6,00 (intero), euro 4,00 – 3,00 (ridotti)

Ore 16.00

IL CIRCOLO DEI LETTORI, VIA BOGINO 9

DAGLI SPIRITUAL A PASOLINI

Incontro con James Newton

Per la prima assoluta della sua Passione Secondo Matteo, il compositore James Newton racconta l’ispirazione del blues e dello spiritual, l’influenza di Pasolini e Messiaen, il rapporto tra jazz e musica classica. In dialogo con lui, il direttore del TJF Stefano Zenni. Partecipano Rosina Becerra, direttrice del Dipartimento di Etnomusicologia della UCLA e SteveLoza, docente di Etnomusicologia alla UCLA.

Ore 16.00

BLAH BLAH, VIA PO 21

Proiezione del cortometraggio

FRINGE IN THE BOX – OMAGGIO A TANNOIA

Regia: Alessandro Tannoia e Yokio Unia

Editing: Valeria Ferrari

Un corto di quindici minuti racconta le giornate di lavoro all’interno dell’appartamento che ha ospitato per due anni il “The Boxx”, e ha raccolto la musica e le storie dei principali musicisti del Fringe.

Il progetto sarà presentato da suoi ideatori – Francesco Pistoi, Ugo Basile e Furio Di Castri – e la serata sarà dedicata all’amicoAlessandro Tannoia, il regista torinese recentemente scomparso.

Ore 17.00

AREA COOKING & RELAXING / FRINGE DANCE,

PIAZZA VITTORIO VENETO

AFRO ROOTS

Cheikh Sadibou Fall, percussioni

Kassoum Diarra, percussioni

Stefano Attanasio, percussioni

Luca Piccablotto, percussioni

Paolo Visintin, percussioni

La Compagnia di Danza Afro Contemporanea “Sowilo”, diretta dalla coreografa e danzatrice Simona Brunelli, approda all’area dance di Piazza Vittorio Veneto. Supportata dal ritmo dei percussionisti afro torinesi, la Compagnia instaura col pubblico un rapporto basato sul divertimento e la partecipazione attiva tramite un linguaggio antico e insieme modernissimo.

I SET – lezione di afro contemporanea

II SET – esibizione e concerto

Ore 17.30

BARATTI & MILANO, GALLERIA SUBALPINA, PIAZZA CASTELLO 29

CHIARA / CHIAPPETTA DUO

Claudio Chiara, sax alto

Alessandro Chiappetta, chitarra elettrica

Un grande sassofonista e un talentuoso chitarrista affrontano i classici della song americana – un duo eccellente per raccontare e reinventare le melodie di Gershwin, Cole Porter e dei grandi songwriter della Tin Pan Alley.

Ore 18.00

AUDITORIUM RAI ARTURO TOSCANINI, VIA G. ROSSINI 15

Centenario Billy Strayhorn, 1915-2015

DANILO REA PLAYS BILLY STRAYHORN

Danilo Rea, pianoforte

Posto unico numerato euro 10,00

Produzione originale Torino Jazz Festival

Danilo Rea plays Strayhorn: un progetto esclusivo pensato dal pianista per celebrare il centesimo anniversario della nascita del braccio destro di Duke Ellington, con una rilettura intimista e personale dei grandi classici usciti dalla sua penna, parte integrante del patrimonio della grande musica novecentesca. Pianista amato da grandi cantanti italiani come Gino Paoli e Mina, dalla lunghissima carriera a fianco di jazzisti di fama internazionale e membro del premiatissimo gruppo Doctor 3, dove ha lavorato in compagnia di Fabrizio Sferra ed Enzo Pietropaoli, Rea è anche autore di concerti a due pianoforti con Brad Meldahu, Danilo Perez, Michel Camilo e Luis Bacalov. È stato il primo jazzista ad esibirsi in piano solo presso la sala Santa Cecilia a Roma (nel 2003) e nel 2006 è stato artefice di un concerto memorabile al Guggenheim Museum di New York. Nel 2009 si è esibito alla Fenice di Venezia e al Petruzzelli di Bari.

(…)

Ore 21.00

PIAZZA SAN CARLO

HUGH MASEKELA SEXTET

Ramapolo Hugh Masekela, tromba, voce

Abednigo Sibongiseni Zulu, basso

Francis Manneh Edward Fuster, percussioni, voce

Cameron John Ward, chitarra, voce

Johan Wilem Mthethwa, tastiere, voce

Lee-Roy Sauls, batteria, voce

Hugh Masekela è un trombettista, compositore e cantante sudafricano conosciuto a livello internazionale per l’impegno sociale e politico contro l’Apartheid. Alla fine degli anni ’50 inizia a farsi strada nel panorama afro – jazz del suo paese. In quel periodo diventa membro del leggendario gruppo sudafricano, The Jazz Epistles, con Abdullah Ibrahim. Nel 1960, appena ventunenne, lascia l’Africa per iniziare quelli che sarebbero stati trent’anni di esilio. Il suo arrivo a New York coincide con l’epoca d’oro del jazz e il giovane Masekela entra in contatto con Miles Davis, Dizzy Gillespie e Louis Armstrong. Hugh sviluppa il suo stile, unico e inconfondibile, che fonda le sue radici nella cultura africana e trae nutrimento dalle influenze americane. Alla fine degli anni ’60 sposa Miriam Makeba e si trasferisce a Los Angeles, proprio nel bel mezzo della "Summer of Love".

Nel 1967 si esibisce al Monterey Pop Festival accanto a Janis Joplin, Otis Redding, Ravi Shankar e Jimi Hendrix. L’anno successivo, il suo singolo Grazin in the Grass arriva al numero uno nelle charts americane. Nel trentennio di esilio Masekela realizza oltre 20 album, collaborando con Harry Belafonte, Dizzy Gillespie, Fela Kuti, Marvin Gaye, Paul Simon e StevieWonder. Finalmente nel 1990 Hugh rientra in patria, giusto in tempo per assistere alla liberazione di Nelson Mandela. Nel giugno 2010 ha aperto il concerto della FIFA World Cup e nel 2011 si è esibito con gli U2 a Johannesburg. Bono ha descritto il duetto come uno dei momenti artistici più alti della sua carriera. Hugh usa la fama per tenere viva l’attenzione sui temi a lui cari: "La mia più grande missione è quella di mostrare al mondo chi è veramente il popolo africano".

… E TANTO ALTRO ANCORA (VEDI PROGRAMMA ALLEGATO)

SITO DEL FESTIVAL: www.torinojazzfestival.it

Annunci

Categorie: EVENTI VARI

Autore:assocfe

Very soon all the info ... thanks

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: