APPELLO A PAPA FRANCESCO…SAREMO I PROSSIMI POVERI

* Riceviamo e pubblichiamo

ROMA – Siamo prossimi alla fine del mese di novembre 2015 con una bruttissima situazione per il lavoro finita per noi lavoratori di Croce Rossa per il Decreto 178…, già, è proprio così, perchè il Governo non vuol fare nulla (nonostante le interpellanze parlamentari) per modificare almeno in modo accettabile quel drastico provvedimento visto che tutto il personale (noi lavoratori) saremo i nuovi disoccupati italiani, in un paese che crolla a pezzi giorno dopo giorno dove nessuno se non pochi ci ascoltano, ma chi ha il potere di darci la speranza di non restare senza casa, senza cibo, senza dignità, questo privilegio di tanti anni di lavoro e sacrifici non vuole darcelo. Sono/iamo stati già collocati sul portale della mobilità del governo, avremo un brutto fine d’anno, un natale pessimo, non più un’avvenire se non quello di essere i nuovi disoccupati aggiungendoci alla già lunga pagina dei poveri assoluti.

Perchè “blindarci” senza qualche finestra migliorativa nel Decreto, siamo uomini e donne addestrati e pronti anche a fronteggiare emergenze di livello coadiuvando ed assimilandoci alle più disparate situazioni negative del momento. Noi che ogni giorno abbiamo combattuto ed ancora adesso combattiamo a fianco di coloro che non hanno nulla se non poco. Da parte di molti lavoratori è una nota sigla sindacale romana che tinge il proprio mantello di giallo e rosso che recentemente si è protesa a manifestare in Piazza Montecitorio, ma gli altri sindacati quelli che dicono di essere più potenti, dove spavaldano iscritti a iosa, tessere e tessere..dove sono ed ora che siamo agli sgoccioli datevi una mossa per cercare di fare qualcosa, senza stelle e stelline da sceriffi sulle bacheche di facebook. Pensavamo di avere dei colleghi capaci ed invece vi siete arresi a raccontarci anche agli iscritti le barzellette di pinocchio salutandoci cà stizza in mezzo ai denti: COME TARZA?/COME TE BUTTA?: (come ti va la vita?)…bella presa per i fondelli davvero, ma non avete vergogna piuttosto che chiedere come va la vita? Chiedetelo alle nostre e vostre famiglie e figli il prossimo anno di cosa metteremo nel piatto per mangiare la tessera sindacale più potente ed il decreto 178 ?

L’altro giorno in ufficio ti ho detto ME SEI CALATO: (la mia stima nei tuoi confronti è diminuita notevolmente), SEI ‘N CIOCCO DE LEGNO/D’EBANO/DE TUFO: (le tue capacità intellettive risultano limitate) o meglio SEI POPÒ HANDICAPACE: (le tue capacità fisiche sono indiscutibilmente limitate), telo ripeto ANACABBESIO/ANACAPONZIO?: (non hai colto forse il senso?). Certo che hai capito il senso, come quando a molti tuoi colleghi sindacalisti/lavoratori ancora adesso vanno a limitarsi con la risposta di andare a leggere nella bacheca. Ma facciamola finita che di pagliacci ce ne abbiamo già troppi C’HAI LE CACCOLE AR CERVELLO: (non sei nel pieno delle tue facoltà mentali) per voler lasciare tutto così e non dimostrare tu e voi tutti che vi siete arresi, che sino ad oggi tu TE DO/TE PISCIO ‘N CULO/MA DE CHE: (non seguo le tue opinioni né faccio ciò che vuoi) e così ME STAI A DA’ ‘NA SOLA/ ME STAI A COJONA’: (stai cercando di raggirarmi).

Tu STA’ A DI’ ‘NA CALLA (stai dicendo una fesseria) e STAI A FA’ ‘R VAGO: (stai fìngendo di non capire) STAI A GUFA’: (stai sperando che le cose mi e ci vadano male)…ma mettiti una mano sulla coscienza se l’hai e non stare a pensare a quante tessere hai in tasca, ma dacci una mano a far modificare almeno questo Decreto 178 per farci dare nuovamente un lavoro.

In questa disperazione, ci appelliamo a Sua Santità Papa Francesco, alla Sua voce sempre vicino ai popoli, alla gente, alle famiglie ed ai nostri figli, rivolgiamo a Lei un grido di aiuto in questo mondo lacerato e ferito dove servono gesti di misericordia…la preghiamo per non abbandonarci e di ricordarci nelle sue preghiere con una sua benedizione.

Ringraziamo se ci pubblicherete questa lettera, siamo disperati, putroppo il Governo non ci ascolta, i nostri sindacalisti che si definiscono “potenti” non si sono voluti unire a nessuno e ci considerano solo tessere e non fanno nulla, siamo certi che se volessero potrebbero tutti assieme chiedere una modifica migliorativo per questo Decreto, ma non sanno dirci altro che “andate a leggere nella bacheca”…chissà che “loro” abbiano già un posto di lavoro assicurato e promesso e noi no. Grazie

uomini e donne…lavoratori della croce rossa

Annunci

Categorie: EVENTI VARI

Autore:assocfe

Very soon all the info ... thanks

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: